L’Invito

Mugello Biologico può festeggiare. Mettere insieme una ventina di aziende diverse – dalla carne al farro, dal latte ai formaggi – per un progetto di investimenti mirati alla qualificazione della struttura produttiva e alla valorizzazione commerciale del biologico è impresa non da poco. Investimenti per aumentare le produzioni, per dare migliori informazioni a consumatori, per fare azioni di marketing, con un marchio specifico: tutto questo in un Pif, un piano integrato di filiera, con capofila Agriambiente, che ha ricevuto 1 milione e 900 mila euro dalla Regione Toscana e ha mosso 4 milioni di investimenti.

Ora questo Pif, questo Piano Integrato di Filiera, Bio Mu si conclude con una grande festa che si tiene giovedì 6 settembre a Valdastra, nell’azienda, ovviamente biologica, di Adriano Borgioli. “L’azione importante da fare adesso – dice Borgioli è soprattutto quella verso i consumatori, per i quali magari il biologico è tutto  uguale, e si tende così a scegliere un biologico anonimo, del quale non si conosce la provenienza, forse perché costa qualche centesimo in meno. E questo finisce per penalizzare le produzioni locali, e mortifica un impegno serio delle aziende che sul biologico hanno investito tanto, con margini estremamente ridotti. Per questo è importante questo gruppo mugellano che si è formato, anche per fare una seria azione di marketing”.

Il 6 settembre dunque gran festa a Valdastra, con centinaia di invitati. “Facciamo un brindisi finale – dice l’allevatore mugellano – con l’augurio che ciò che abbiamo investito abbia un riscontro tra la popolazione.”

E durante la giornata sono previste visite: a una produzione orticola, a un allevamento da carne, al Centro Carni Mugello, “una tra le strutture – dice Borgioli – più belle della Toscana”.

”Vogliamo evidenziare – conclude Borgioli – che qui c’è un prodotto non solo biologico ma anche locale, riconoscibile, per il quale è possibile vedere la faccia dichi ogni giorno lo produce”.

(foto di Marta Magherini)
© Il Filo – Idee e Notizie dal Mugello – 5 settembre 2018